Garante prestito deceduto, cosa succede?

Condividi questo articoloShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Google+
Google+

Garante prestito decedutoGarante prestito deceduto, cosa succede?

Il garante di un prestito, come molti sanno, è una figura molto richiesta ultimamente al fine di ottenere un prestito personale come anche un mutuo di acquisto casa o altre tipologie di finanziamento. La crescente richiesta da parte degli istituti di credito della figura del garante del prestito è dovuta alla sempre maggiore selettività che banche e finanziarie adottano in fase di istruttoria e successiva concessione di un finanziamento.

La figura del garante, dunque, è molto importante al fine di aumentare le possibilità che l’esito di una richiesta di finanziamento sia positivo.

Ma cosa succede nel caso in cui il garante di un prestito muoia?

L’argomento “garante prestito deceduto” è un argomento molto delicato, in quanto spesso la figura del garante viene molto sottovalutata da coloro i quali si apprestino a richiedere un finanziamento di qualsiasi tipologia, così come anche da coloro i quali si apprestino a firmare proprio in qualità di garanti.

E’ chiaro che l’argomento “garante prestito deceduto” riguardi in particolar modo il richiedente del finanziamento stesso, nonché i familiari del Garante deceduto. Questo perché, come detto altre volte, la figura del Garante è molto importante e, dunque, anche le conseguenze in caso di decesso non sono da sottovalutare.

Doveri del Garante di un prestito.

Il Garante di un prestito, infatti, ha doveri strettamente paragonabili a quelli del richiedente principale del prestito. Il Garante, infatti, è la figura che provvede al pagamento del finanziamento nei casi in cui il richiedente principale non abbia la possibilità di provvedere. Al garante, dunque, gli istituti di credito danno una grossa responsabilità, responsabilità confermata anche dal punto di vista delle leggi vigenti. Se il Garante non avesse queste responsabilità, la sua figura non avrebbe una grossa rilevanza e, di conseguenza, la sua presenza o non presenza in fase di richiesta di un prestito non avrebbe un grosso peso.

Come detto, però, il garante di un prestito può essere un valore aggiunto in fase di richiesta di un prestito, per cui anche le sue responsabilità sono piuttosto concrete. Il Garante di un prestito, per intenderci, va considerato come un secondo debitore, ma anche comunque un debitore a tutti gli effetti. Non si tratta di una mera firma da apporre con superficialità.

In quanto secondo debitore del finanziamento il garante di un prestito deceduto, di fatto, cede in eredità agli eredi il Suo debito, anche se solo sotto forma di garanzia. Possiamo affermare, dunque, che la figura del garante e quindi del garante di un prestito deceduto, possa essere equiparata alla figura del richiedente principale di un prestito e di conseguenza alla figura del richiedente del prestito che, in caso di decesso, trasferisce il debito ai suoi familiari e agli eredi.

E’ chiaro che, nel caso del “garante prestito deceduto“, esistano gli stessi istituti presenti in altri casi in cui venga a mancare il richiedente, ovvero anche in questo caso gli eredi hanno la facoltà di rinunciare all’eredità del de cuius, con tutte le conseguenze del caso.

Garante prestito deceduto: conclusioni.

Possiamo concludere, dunque, dicendo che anche nel caso del “garante prestito deceduto”, si possa evidenziare come la figura del garante non vada affatto sottovalutata, perché le conseguenze di una firma a garanzia non sono assolutamente minime, ma possono essere assolutamente equiparate alle conseguenze che, in qualsiasi altro caso, subirebbe il richiedente principale del prestito.

Va sottolineato comunque che, come nel caso in cui il garante abbia la facoltà di esercitare il diritto di rivalsa, anche gli eredi del garante prestito deceduto potrebbero esercitare lo stesso diritto. Di questo argomento abbiamo parlato nell’articolo che è possibile visionare cliccando qui.

TopPrestiti

 

Condividi questo articoloShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Google+
Google+

TopPrestiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.