Cos’è la centrale rischi Crif

Condividi questo articoloShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Google+
Google+

centrale rischi crifCos’è la centrale rischi Crif?

La centrale rischi Crif è la banca dati di proprietà della società privata Crif che opera nel settore del credito e svolge la funzione di sistema di informazione creditizia. La centrale rischi Crif è molto utilizzata da banche e finanziarie le quali accedono ad essa al fine di reperire le informazioni sullo stato dei pagamenti dei finanziamenti effettuati da parte di una persona. Banche e finanziarie effettuano tale accesso alla centrale rischi Crif prima di concedere un finanziamento in modo da capire di che tipo di cliente si tratti. Crif in Italia si trova a Bologna, ma opera in molte altre parti del mondo.

QUANTO TEMPO OCCORRE PER LA CANCELLAZIONE DEI DATI NEGATIVI NELLA CENTRALE RISCHI CRIF?

Si viene cancellati dalla centrale rischi Crif con tempistiche differenti in base alla gravità delle segnalazioni come riportato di seguito:

1. Dopo 1 anno dalla regolarizzazione della rata o delle rate in caso di ritardi che riguardino un massimo di due rate per un periodo non superiore ai due mesi, sempre che non si facciano nuovi ritardi.

2. Dopo 2 anni dalla regolarizzazione della rata o delle rate, qualora i ritardi riguardino più di due rate o nei casi in cui il ritardo si sia protratto per un periodo superiore ai due mesi.

3. Dopo 3 anni dalla data di estinzione del finanziamento, qualora si parli di ritardi mai sanati che abbiano comportato la segnalazione come prestito insoluto.

In qualsiasi momento si può accedere alla propria centrale rischi Crif richiedendo una visura della propria banca dati creditizia. Effettuata la richiesta di accesso alla centrale rischi Crif, in circa 15 giorni si riceve una risposta via mail o cartacea in cui sono riportati tutti i dati presenti nella centrale rischi Crif.

Tra i dati sono visibili gli enti eroganti con i quali i finanziamenti sono aperti oppure con i quali siano state effettuate delle richieste di finanziamento ancora in essere, respinte o rinunciate.

E’ possibile, inoltre, verificare lo stato dei pagamenti e la presenza di eventuali segnalazioni negative nella centrale rischi Crif oltre che il dettaglio delle stesse.

Condividi questo articoloShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Google+
Google+

TopPrestiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.