Quando si può rinnovare la cessione del quinto in corso?

Condividi questo articoloShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Google+
Google+

rinnovare la cessione del quintoQuando si può rinnovare la cessione del quinto in corso?

Si può rinnovare la cessione del quinto in corso secondo i tempi stabiliti dalla legge 180 del 1950, articolo 39. Questa legge consente, infatti, di rinnovare la cessione del quinto in corso generalmente a seguito dell’avvenuto pagamento di almeno il 40% delle rate (in realtà la legge parla di anni, ma viene generalmente interpretata in numero di rate pagate).

Bisogna, comunque, considerare che, qualora non si possa rinnovare la cessione del quinto in corso, sarebbe possibile procedere con una richiesta di prestito personale o delega di pagamento per poter ottenere nuova liquidità.

Riportiamo di seguito il  testo dell’articolo 39 della legge 180/50:

“È vietato di contrarre una nuova cessione del quinto prima che siano trascorsi almeno due anni dall’inizio della cessione del quinto stipulata per un quinquennio o almeno quattro anni dall’inizio della cessione del quinto stipulata per un decennio, salvo che sia stata consentita l’estinzione anticipata della precedente cessione del quinto, nel qual caso può esserne contratta una nuova purché sia trascorso almeno un anno dall’anticipata estinzione. Qualora la precedente cessione del quinto non sia estinta, può esserne stipulata una nuova dopo la scadenza dei termini previsti nel precedente comma con lo stesso o con altro istituto, nei limiti di somma e di durata stabiliti negli articoli 5, 6 e 23, ed a condizione che il ricavato della nuova cessione del quinto sia destinato, sino a concorrente quantità, all’estinzione della cessione del quinto in corso. Anche prima che siano trascorsi due anni dall’inizio di una cessione del quinto quinquennale, può essere contratta la cessione decennale, quando questa si faccia per la prima volta, fermo restando l’obbligo di estinguere la precedente cessione”.

Come possiamo leggere, questo articolo della legge parla di due anni per una cessione con durata iniziale di 5 anni, e quattro anni per le cessioni decennali. Oltre a questo dato principale, la legge dice che è possibile rinnovare la cessione del quinto in corso se stipulata con durata quinquennale anche dopo un anno invece che due, purché si proceda con la stipula di una cessione decennale.

Inoltre si precisa che, qualora non si voglia rinnovare la cessione del quinto in corso, ma la cessione del quinto sia stata già estinta e fosse con durata originaria decennale, è possibile stipulare un nuovo contratto solo dopo un anno dall’estinzione.

Per chiarimenti o per chiederci dettagli su come rinnovare la cessione del quinto in corso vi invitiamo comunque a contattarci tramite l’apposito form per i commenti.

TopPrestiti

Condividi questo articoloShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Google+
Google+

TopPrestiti

2 comments

  1. Buongiorno, mi chiamo eleonora.
    ho una cessione del quinto di 60 mesi e ho pagato 11 rate, ma per dei problemi personali ho bisogno di altri soldi. non riesco a capire se posso rinnovarla oppure se devo aspettare e se si quanto. potete chiarirmi?

    • Buongiorno Eleonora.
      A differenza delle cessioni del quinto di altre durate, la cessione del quinto stipulata in 60 mesi è rinnovabile dopo aver pagato il 20% invece che il 40% del finanziamento. Non occorre attendere di aver pagato 24 rate, dunque, ma solo 12 rate. Può quindi già cominciare a valutare il rinnovo della cessione del quinto.
      Saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.