Il vincolo del tfr nella cessione del quinto

Condividi questo articoloShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Google+
Google+
vincolo tfr cessione del quinto

Il vincolo del tfr nella cessione del quinto è la base di questa particolare tipologia di finanziamento.

Il vincolo del tfr nella cessione del quinto, infatti, è essenziale al fine di richiedere il prestito in busta paga, in quanto il tfr funge da garanzia alla cessione del quinto per la durata del finanziamento.

Nel caso in cui il dipendente perda il lavoro o si licenzi oppure anche vada in pensione, il vincolo del tfr nella cessione del quinto fa si che l’amministrazione del dipendente sia obbligata a versare alla finanziaria la quota di tfr necessaria ad estinguere la cessione del quinto in corso, chiaramente al netto degli interessi non ancora maturati.

Il vincolo del tfr nella cessione del quinto generalmente riguarda solo la parte di tfr che copre il residuo della cessione del quinto e, sebbene di fatto il capitale residuo di una cessione del quinto è più basso del montante residuo (il montante è dato dal prodotto di rata e durata residua in mesi), spesso le aziende non concedono anticipo sul tfr in quanto estendono il vincolo del tfr nella cessione del quinto a tutto il trattamento di fine rapporto, anche nei casi in cui il tfr sia maggiore rispetto al capitale residuo.

Il vincolo del tfr nella cessione del quinto, dunque, è una forma di tutela nei confronti della finanziaria che ha concesso la cessione del quinto, perché la tutela da eventuali insoluti in caso di perdita di impiego.

Il vincolo del tfr nella cessione del quinto è anche il motivo principale per cui il tfr maturato sia uno dei dati principali su cui le finanziarie effettuano il calcolo dell’importo concedibile ad un dipendente in caso di richiesta di cessione del quinto dello stipendio. Il tfr, dunque, determina la somma che il dipendente può ottenere, unito ad altri fattori quali ad esempio il tipo di azienda in cui si lavora.

Il vincolo del tfr nella cessione del quinto decade al momento della totale estinzione della cessione in corso, e ciò avviene automaticamente.

Affronteremo in seguito in modo più approfondito la tematica dell’anticipo del tfr in presenza di un vincolo del tfr nella cessione del quinto.

TopPrestiti

Condividi questo articoloShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Google+
Google+

TopPrestiti

6 comments

  1. Salve, volevo chiedervi una cosa importate visto che ho la possibilità di trasferirmi definitivamente in Spagna! dovrò dare le dimissioni e stipulare un nuovo contratto! Potrò continuare a rate trattenendolo in busta paga..o tramite bollettino postale o RID?il mio tfr è sicuramente inferiore al residuo del prestito!

    • Buongiorno Antonio.
      Dovrà continuare a pagare tramite Rid o bollettini, in quanto la Sua azienda spagnola non darà mai il consenso alle trattenute secondo leggi valide in Italia.
      Saluti.

  2. Buongiorno,
    ho una cessione del quinto, ma da alcuni mesi ho cambiato lavoro. Nell’ultima busta paga ricevuta il tfr è stato dato alla finanziaria, ma la finanziaria dice di non averlo mai ricevuto cosa devo fare?

    • Buongiorno Agostina.
      Le consiglio di farsi dare una copia del bonifico e di inviarlo alla finanziaria. In questo modo potrà dimostrare che la somma sia stata versata.
      Saluti.

  3. vorrei risolvere questo enigma … io ho 37 500 di tf accumulato e un debito residuo con la mai finanziaria di circa 21000 euro la somma eccedente che io posso riscuotere al netto di tutto quale sarebbe inoltre vorrei sapere il calcolo con cui si determina la parte eccedente grazie

    • Buongiorno Marco.
      Considerando il limiti di legge, se volesse chiedere un anticipo nel Suo caso dovrebbe assicurare che vi sia sufficiente tfr ad estinguere il debito in corso. Nel peggiore dei casi il calcolo viene fatto garantendo con il tfr netto il montante della cessione del quinto in corso. Il calcolo corretto, invece, sarebbe quello che lascia a copertura il tfr netto per il debito residuo da conteggio della cessione del quinto.
      E’ possibile, invece, che il calcolo venga effettuato in un ulteriore modo, ovvero considerare il tfr lordo a copertura del montante residuo della cessione.
      Saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.